falegnameria
La falegnameria esegue essenzialmente lavori in legno massello, come boiserie (rivestimenti in legno di pareti più o meno elaborati), controsoffitti a cassettoni, a doghe, a liste, con telai, scale fuori standard, telai di ogni tipo e misura, con o senza specchietti, porte a scomparsa, tavoli, mensole, cucine in muratura ed in legno, cabine armadio, lavori ultraleggeri in tamburato, portoni ultraleggeri.

Si eseguono riparazioni di ogni tipo: all' esterno usiamo resina epossidica al posto delle colle viniliche e le riparazioni non si staccano più. Le finiture che adottiamo sono ad olio o ad olio più cera e sono un modo per rispettare il legno e valorizzarlo.

Una riscoperta è la gommalacca, fatta con ceralacca ed alcool, che, applicata con pietra pomice ed altri prodotti, dona ai lavori un tepore ed un senso di antico che si apprezza specialmente su legni scuri ed a pasta fine. Sotto la gommalacca spesso si da una mano di Pais per tingere il legno. È un prodotto naturale di colore noce o mogano che viene applicato solo con spugne marine. I legni che usiamo sono preferibilmente locali: rovere, abete, larice, cirmolo, frassino, castagno, olmo, pero (poco usato, ma dall’aspetto morbido), noce.

Usiamo inoltre anche vernici poliuretaniche ed all'acqua per lavori dove le sollecitazioni richieste al prodotto verniciante sono onerose, come ad esempio bagni e cucine.